tree
saline_Copia

Spazio difensibile

La valutazione del rischio e l'individuazione di misure di mitigazione può essere condotta secondo procedure empirche o schemi di analisi di diversa complessità, ma anche con semplici test di autpovalutazione. Questi ultimi sono utili per valutare i rischi preenti, ad esempio, nel caso di case per vacnza. Uno di questi test è stato proposto nell'ambito del progetto EU MIRTO "Minimizing fire risks for tourists".  

Valutazione del pericolo di incendio

Con il termine DIFESA ATTIVA si intende un approccio alla protezione da incendi di un'area, di un edifico o di un infrastruttura basato sull'impiego di dispositivi in grado di contrastare attivamente l'azione e la propagazione delle fiamme.

Il sistema Adronos si basa sulla distribuzione di acqua o di miscela ritardante per arrestare o contenere l'avanzata del fuoco..

Sistema di difesa attiva Adronos

Il sistema è particolarmente interessante per la protezione di strutture turistiche quali campeggi o villaggi vacanze, spesso in posizione isolata e particolarmente vulnerabili per la presenza di un'elevata densita di ospiti. Qui il sistema ADRONOS può fornire un importantissimo contributo alla protezione delle persone e delle strutture.

L'impiego della miscela acqua + ritardante costitisce uno degli elementi innovativi del sistema ADRONOS. Il liquido ritardante, un polifosfato d'ammonio, consente di aumentare l'efficacia complessiva in quanto impedisce al fuoco di avanzare. Si tratta di un prodotto che non presenta effetti ambientali avversi. Il liquido ritardante che viene utilizzato  è stato sottoposto a test tossicologici ed ecotossicologici e rispetta le linee guida OECD e le direttive UE (2005).

sSprinklers e retardant

Negli Stati Uniti, in Canada e in Australia sta progressivamente prendendo piede l'utilizzo di irroratori (sprinkler) in grado di distribuire acqua su superfici che possano essere interessate dal fuoco a seguito del trasporto di tizzoni e braci ardenti con il vento..

L'approccio si è dimostrato molto efficace e ha consentito di proteggere numerose abitazioni dalle fiamme. Il fenomeno non si registra in Europa che saltuariamente e gli edifici sono quasi sempre in muratura.

Lo stesso approccio sviluppato per la protezione degli edifici può però trovare impiego nei Paesi europei per rallentare o bloccare la propagazione del fuoco. Esso può quindi essere utilizzato  per proteggere superfici come quelle destinate a strutture turistiche all’aperto (camping e villaggi vacanze) quelle sì frequentemente attaccate dal fuoco nella regione mediterranea.

Per strutture e superfici potenzialmente soggette all'azione del fuoco Attalea ha sviluppato il sistema ADRONOS. Questo sistema riunisce le più collaudate soluzioni tecniche nel settore .

Il sistema può essere dotato di un modulo anemometrico che permette di attivare e dosare gli sprinkler anche in funzione del vento. Al fine di garantire una completa e omogenea distribuzione del liquido al suolo una centralina è in grado di modificare, in base ai dati di direzione e velocità del vento. la potenza del lancio.

Il liquido ritardante distribuito al suolo è in grado di modificare sostanzialmente le condizioni di combustione arrestando o riducendo la velocità del fuoco. Le formulazioni del liquido utilizzato non hanno effetti ambientali.

Retardant quadata

Il sistema ADRONOS si basa sulla posa di condutture dotate di sprinkler in grado di distribuire acqua o una miscela di acqua e ritardante su una fascia di larghezza pari a 10 - 15 m che andrà ad interrompere o contenere significativamente la propagazione del fuoco

In caso di incendio il sistema può essere attivato manualmente o in automatico con l'adozione del sistema di detezione Alert100. Il sistema prevede uno o più serbatoi di acqua e ritardante specificatamente adibiti a questo scopo. Poiché in caso di incendio vi può essere l'interruzione dell'erogazione dell’energia elettrica è prevista l'installazione di una pompa del tutto autonoma.

La lunghezza della linea di distribuzione è limitata (50 -100 m) per contenere il calo di portata con numerose sprinkler in azione, ma è possibile prevedere più linee autonome che verranno attivate in relazione all'avanzata del fronte del fuoco.

Nel corso della progettazione del sistema ADRONOS sono stati esaminati una serie di eventi realmente accaduti e sono state individuati gli elementi che avrebbero dovuto caratterizzare il sistema proposto. Oggi queste caratteristiche sono ben evidenti nel sistema ADRONOS:

 

• il sistema può essere avviato manualmente o in automatico da un sistema di detezione del fuoco,

• il sistema interviene sia di giorno che di notte,

• il sistema non presenta pericoli per le persone, le cose e l'ambiente,

• l'efficacia del sistema proposto si basa su dati sperimentali di carattere scientifico e

 verifiche in campo,

• il sistema ha essenzialmente lo scopo di contenere l'avanzata del fuoco; in alcune

 condizioni può fermare un fuoco radente. Il sistema integra i dispositivi previsti dalle norme e non sostituisce presidi che sono necessari alla protezione delle persone.

 

Il sistema ADRONOS permette dunque alle squadre antincendio di intervenire più efficacemente e, dove ve ne sia la necessità, di allontanare persone o cose potenzialmente esposte all’azione del fuoco.

chios sprinkler WA State DNR wildfire

Il suo utilizzo consente di ridurre in parte l'aqua impiegata, ma soprattutto aumenta significativamente l'efficacia nei confronti del fuoco. I quantitativi che vengono distribuiti per metro quadrato dipendono essenzialmente dalla vegetazione presente (min 1 - 2 l/mq). Il numero di sprinkler da impiegare varia con le caratteristiche del terreno, ma indicativamentene va previsto uno ogni 15 m.

E' opportuno, in linea generale, prevedere un alleggerimento preventivo della vegetazione nella fascia interessata dall'azione del sistema.

Sistema di distribuzione  

• Condotte interrate o superificiali

• Sprinkler in materiale anticorrosione,

• Pompa da 5 - 10 kW

• Serbatoi acqua da 1000 l (dove non vi sia dipsonibilità da pozzi, piscine, ecc.)

 

Liquido ritardante

• FIRE-TROL® 934 (incolore) e FIRE-TROL® 936 (colorato),

 specifici per applicazioni    al suolo,

• Composizione del titardante: miscela polifosfato di ammonio, inibitore della corrosione,      agente bagnante,

• Densità del liquido ritardante: 1.38 - 1.43 kg/dm3

• Densità della soluzione: 1.08 - 1.10 kg/dm3rapporto acqua ritardante 4:1

• pH: 6.0 - 6.5

• Concentrazione consigliata: 12% - 14% (v:v),

• Distribuzione: 1.5 2 l/mq (max 7-8 l/mq),

La corretta distribuzione del liquido ritardante consente di ottenere una riduzione della velocità di propagazione del fuoco del 75% ruispetto a superfici identiche non trattae.

Caratteristiche tecniche

E' opportuno, in linea generale, prevedere un alleggerimento della vegetazione nella fascia interessata dall'azione del sistema.

Il numero di sprinkler da impiegare varia con le caratteristiche del territorio, ma indicativamentene va previsto uno ogni 15 m.

 

Johnson J.F. et al., 2008. External Sprinkler Systems and Defensible Space:  

Lessons Learned from the Ham Lake Fire and the Gunflint Trail Minnesota Department of Natural Resources, April 15, 2008

Scarica la brochure

222 222